Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2004

Voci nella notte

Sentire le voci
Quanta importanza è sentire questa nostra odiata amata voce.
Questa voce che ossessiona e che a volte hai voglia di urlare
uno “stai zitto” universale.
Questa voce che manca, e che in certi giorni vaghi, in una disperata
ricerca di suoni, che ti colmino i minuti vuoti d’esistenza.

Questa voce che scalda e che ti accompagna nella sera,
il momento in cui ti senti più bisognoso.

E’ una dimensione che unisce, delineando prospettive,
addolcendo sogni e rivoluzionando orizzonti.

Annunci

Read Full Post »

Viva S.Francesco

Un novello (meglio novella, è la mia mamma) S. Francesco! Eccolo/a mentre fa mangiare ad una lucertola un pezzo di mela (l’ha pure chiamata e lei è arrivata) .
Ma le lucertole mangiano le mele? (Sempre cose nuove si imparano)

Read Full Post »

Artisti

Io non so veramente chi sia questo Rufus.
Di lui si sanno poche notizie sparse e confuse.
Una cosa è certa: fa musiche meravigliose! (cliccare su mp3).

Read Full Post »

Prontiiiiii Viaaaaa

Come per tutte le imprese che si rispettino, anche questa ha bisogno di un suo varo ufficiale.
Ed allora via!
Pronti per l’inaugurazione ufficiale che si terrà in casa di Pietro per le sue

MIE TERRE RADIO

Lunedì alle ore 16.oo chi avrà voglia di fare un saluto in diretta….E non voglio sentir parlare di timidezze!
Siamo o non siamo una grande famiglia? (insomma, quasi, cioè….)


Tutte le informazioni sul come, dove, quando mettersi in contatto cliccando sulla scritta “mie Terre Radio”.

Read Full Post »

Rientri

Allora è rientrato dall’Irak, il marito di una mia amica.
L’altro ieri.
Ha fatto una sorpresa alla moglie, capitando tra capo e collo
proprio all’uscita di scuola, due giorni prima della data stabilita-
E’ arrivato così, in divisa, berretto, faccia disfatta color cioccolato.
E tutte lo abbiamo salutato, ed abbiamo sorriso e siamo state contente
del suo ritorno, dopo aver tanto penato in questi mesi assieme alla moglie.
Eppure c’era dell’imbarazzo, come un velo, che divideva le nostre presenze
dalla sua.
Aleggiavano nell’aria mille domande non risposte.
Si aveva pudore, si scrutavano quegli occhi stanchi creando
disegni mentali su cosa possano aver visto in tutti questi mesi.
Ma l’immaginazione è sempre lontana dai fatti ed i fatti vengono sempre
taciuti fra i soldati.
Hanno la consegna del silenzio: tutto viene sempre minimizzato, sorvolato, sviato.
Ti guardano, con i loro occhi stanchi, ed intuisci che questa volta è stata dura, dura davvero.

Read Full Post »

Oddone.jpg

Ci sono momenti in cui so che facendo un passo in avanti precipiterei
nel pieno di un’altra realtà.
Vivere a margine, in un angolo, mi costa, a volte, talmente tanta
fatica da non essere capace nemmeno
di tacerlo, questo mio fardello pesante.
Ogni giorno lo trascino sulle spalle, conscia del suo peso, consapevole
che in fondo le scelte le si scontano
tutte, una dopo l’altra, fino all’ultimo.
Eppure rispuntano prepotenti le scintille, quelle che bruciano
dentro la rabbia che a lungo reprimo
e non so far tacere nemmeno guardandola fissa negli occhi.
Ho voglia di prenderla per i capelli e farla uscire dal suo cantuccio
nascosto.-
Ho voglia di prenderla a pugni, a calci, e scaraventarla nel mondo,
urlante le mille voci che
nel tempo ho imparato a conoscere e a tacitare.
Ma non serve a nulla, non si allegerirebbe il mio fardello,
non riuscirei a camminare più svelta, solo,
forse, un poco più curva ed un poco più sorda.

Read Full Post »

Sono soddisfazioni

Sì, sono proprio soddisfazioni, queste.
Perchè Pietro è un agitato, si sa, ma questa cosa gli sta riuscendo proprio bene.

Questa radio in poche sere ha fatto passi da gigante e in poco tempo mi ha fatto sentire voci di blogger che conoscevo e che non conoscevo, apprezzandole e stupendomi.
Pietro fa tutto da solo, addirittura telefona ai vari blogger con il suo cellulare supportando costi che non saranno indifferenti, ma la passione c’è ed è tanta e la strada che va piano piano delineandosi mi piace alquanto.
Voci di blogger che con poche battute hanno già dipinto ampie pennellate sul fenomeno blog, sull’importanza-necessità della scrittura, sui propri sogni e le proprie aspettative e sul modo di giocare con lo strumento che abbiamo a disposizione.
Serate veramente divertenti (io mi diverto a sommergerlo di mail mentre fa la diretta) che stanno aprendo davvero un altro modo di rapportarsi e che sfumano la seriosità in un grande incontro collettivo.

Read Full Post »

Older Posts »